Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza di navigazione e fornire un servizio in linea con le preferenze utente.

Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, si acconsente a ricevere tutti i cookie del portale web www.anc-ravenna.it

La nascita dell'Associazione Carabinieri affonda le proprie radici nelle esperienze di mutuo soccorso della società civile anni 50 dell'800. Intorno alla metà degli anni '50 si consolida progressivamente fino a quando non le viene accordata la denominazione di Associazione Nazionale Carabinieri che ancora oggi conserva. 

Attualmente l'Associazione, aggrega carabinieri in servizio e in congedo, i loro familiari e i numerosissimi simpatizzanti, dando vita alla grande famiglia dell’arma.

L’associazione conta più di 200.000 iscritti; oltre 140.000 soci effettivi, tra militari in servizio e non più in servizio; circa 1.700 sezioni sul territorio nazionale e 166 organizzazioni di volontariato. A testimonianza del grande prestigio e capacità rappresentativa di cui gode, l’Associazione è presente in 23 stati di ben 4 continenti

L'ANC - Associazione Nazionale Carabinieri è un ente regolato da: Statuto approvato con D.P.R. 1286 del 25 luglio 1956, con le varianti deliberate dal Consiglio Nazionale nelle sedute del 27 aprile 2006 e 2 ottobre 2007. Foglio n. 8/4303 in data 30 gennaio 2007 del MINISTERO DELLA DIFESA – Ufficio Legislativo. Iscrizione nel Registro delle persone giuridiche, ai sensi dell’art. 2 del DPR 10 febbraio 2000 n. 361 con protocollo n. 33476/1471/2007 Area V URPG in data 22 maggio 2007 della Prefettura di Roma – Ufficio Territoriale del Governo.

 L’Associazione Nazionale Carabinieri di Ravenna:

  • è stata liberamente costituita a fini di solidarietà e di impegno civile, in Ravenna il 3 marzo 1954, come Sezione dell’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI, con sede in 00192 – Roma, Via C. A. dalla Chiesa 1/ A (vds art 20 Statuto dell'Associazione Nazionale Carabinieri);
  • ai fini istituzionali gestisce la propria sede legale (e fiscale) sita a 48122 Ravenna, Via Gradenigo, 12, Telefono e Fax: 0544212008, cell. 3338882117 - Web-site : www.anc-ravenna.it, E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Orario di apertura dal lunedì al venerdì 15:30 – 18:30 e il sabato dalle 10 alle 12.
    NOTA
    Fino al marzo 2022 questa Sezione dispone dell’appartamento sito in 48122 Ravenna, via Gradenigo n. 12, concesso in uso oneroso (a scomputo dei soldi spesi per ristrutturare la vecchia sede) dal Comune di Ravenna. Tale immobile, identificato al N.C.E.U. sezione Ravenna foglio 78, mappale 879 sub 2/p.  è l'attuale sede della Sezione e ha una superficie di circa 97 metri quadri così distribuiti:
    • una grande sala con biliardo e cinque tavolini per il gioco a carte, dama, utilizzata anche per le riunioni o conferenze;
    • una stanza dedicata a ufficio di presidenza, con computer e armadio per archiviare le pratiche;
    • una stanza dotata di una postazione computer con accesso a INTERNET a disposizione dei soci, una televisione a colori con schermo 42 pollici e una piccola biblioteca.
  • ha autonomia amministrativa: Finanze e bilanci (Vds Art. 34del citato statuto). Va precisato che il gruppo volontariato NON ha autonomia amministrativa in quanto tutte le entrate e le uscite    dovranno risultare nel bilancio della Sezione;
  • ha un proprio Codice Fiscale: 92025660397, attribuitole dall’Agenzia delle Entrate U.T. Ravenna, con la denominazione "Associazione Carabinieri in Congedo", domicilio fiscale in via Gradenigo n. 12 e legale rappresentante Isidoro MIMMI.  Tale codice fiscale è utilizzato anche dal Gruppo di Volontariato;
  • si compone di carabinieri in servizio e in congedo, dei loro familiari e dei simpatizzanti in quella che è sentita la grande famiglia dell'Arma. Attualmente conta un totale di 375 soci  (335 maschi e 40 femmine). I soci contribuiscono alla gestione della Sezione e tutte le attività della stessa, dando vita a un gruppo unito e solidale, compatibilmente con i guadagni a disposizione.
    Va precisato che la Sezione ANC di Ravenna non ha altre risorse finanziarie proprie, non riceve sovvenzioni da enti pubblici o privati e per lo svolgimento delle attività a favore di terzi e degli associati ha sempre potuto contare soltanto sul 50% (l’altro 50% lo versa alla Presidenza Nazionale) della modesta quota sociale:
    euro 25,00 per ogni socio;
  • NON ha nessun socio o lavoratore retribuito (dipendenti e/o prestatori d’opera);
  • ha un consiglio direttivo composto 12 soci.Le cariche sociali sono tutte elettive, gratuite e vengono assunte su base volontaristica;
  • opera nell’ambito solidaristico. Infatti, tutti i soci accettano di contribuire allo sviluppo della comunità ravennate, esattamente come in una società in cui ogni appartenente ha tutto l'interesse che l'insieme progredisca e proceda nel migliore dei modi gratuitamente.  Realizza l'assistenza morale, culturale, ricreativa e, nei limiti delle possibilità, economica a favore degli iscritti e delle loro famiglie e onora i soci deceduti. Per tali motivi, da una decina di anni, per mezzo di un gruppo spontaneo di volontari, svolge attività continuativa gratuita di assistenza ai ricoverati in strutture ospedaliere o case protette anche fuori Ravenna;
  • effettua consulenza gratuita su temi di reversibilità, arretrati pensione; recupero anni lavorativi, riscatto laurea, invalidità civile, ecc.;
  • conserva, sviluppa, valorizza e gestisce il proprio patrimonio bibliografico, che riunisce libri, monografie, pubblicazioni periodiche e video. Tale materiale è accessibile anche ai non soci;
  • prende parte a tutte le cerimonie o feste che esaltano la Fede e la grandezza della Patria e delle Istituzioni;
  • nei locali della propria sede organizza tornei di carte e biliardo con le altre associazioni d’arma e civili;
  • nel maggio 2015, ha deliberato la costituzione delGRUPPO DI FATTO VOLONTARIATO, ossia un’ Organizzazione di Volontariato liberamente costituita in conformità alle leggi vigenti in materia di volontariato e nel rispetto dello statuto e delle norme morali e di buona condotta. I volontari fanno propri gli storici valori dell’Arma dei Carabinieri nello espletamento degli specifici compiti, sia come singoli sia come appartenenti ad un gruppo nel rispetto di regole comuni. I volontari hanno libertà d’azione corrispondente alle proprie attribuzioni ed alle responsabilità di ognuno, ponendo al centro delle proprie decisioni il buon senso e la saggezza del buon padre di famiglia. I volontari cooperano tra loro nell’ambito di un disegno comune. Efficienza e professionalità, unite alla più generosa disponibilità non devono mai sfuggire al buon volontario.  
    Il Gruppo di volontariato è un gruppo aperto. L’aspirante volontario deve compilare l’apposita domanda di iscrizione reperibile in Sezione oppure scaricandola dal nostro sito:
    http://www.anc-ravenna.it/moduloiscrizione
    Inoltre, l’Associazione Nazionale Carabinieri favorisce la partecipazione attiva dei volontari ai processi decisionali dell’intera organizzazione. Assicura il valore della comunicazione, in tutte le sue sfumature, catalizzando l’attenzione sulle esigenze della generalità dei consociati. Riconosce l’importanza della cooperazione intergenerazionale. Impiega e mobilita ogni strumento e mezzo per il raggiungimento della missione del gruppo, nell’ambito di un progetto comune di sicurezza. Valorizza l’attività dei volontari e ne esalta l’operato. Garantisce la TRASPARENZA attraverso la pubblicità degli atti sul sito INTERNET e attraverso informazioni periodiche ai soci.

Il gruppo di volontariato coordinato e diretto dal Presidente della Sezione ANC svolge in via esclusiva o principale una o più attività di interesse generale in forma di azione volontaria per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, nello specifico:

  1. servizi di prossimità e vigilanza alle scuole, grandi eventi e manifestazioni pubbliche in convenzione con enti statali, regionali, provinciali o comunali promozione e diffusione della cultura e della pratica del volontariato;
  2. prevenzione del bullismo e al contrasto della povertà educativa;
  3. promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e del dialogo.

La sezione di Ravenna dell’A.N.C. contribuisce a formare i volontari affinché possano agire come agenti di cambiamento all’interno delle comunità, promuovendo una cultura della cittadinanza attiva. L’A.N.C. promuove una cultura della partecipazione, favorendo quindi la compartecipazione attiva dei volontari ai processi decisionali dell’intera Associazione. Riconoscendo il valore del dialogo e della collaborazione intergenerazionale nel raggiungimento della sua mission. L’A.N.C. favorisce la partecipazione dei volontari a tutte le attività dell’Associazione. La A.N.C. riconosce il valore dello specifico contributo dei volontari.

Le attività che la A.N.C. svolge quotidianamente rappresentano un terreno sicuro per azioni costanti di diplomazia umanitaria volte a porre al centro dell’attenzione le esigenze dei cittadini.

La costruzione di una Società Nazionale forte passa attraverso la capacità di prevenire ed affrontare in modo efficace le vulnerabilità delle comunità, nonché di garantire una crescita sostenibile, volta a garantire livelli sempre più elevati di efficacia, efficienza e integrità delle attività operative e dei processi di gestione, trasparenza e fiducia nei confronti dei beneficiari e di chi sostiene le attività, nonché il rafforzamento e lo sviluppo della rete di Volontari.

Obiettivi primari sono:

  1.  infondere la cultura del volontariato e della partecipazione attiva;
  2. garantire trasparenza nei confronti dei partner, delle Istituzioni e dei soggetti del terzo settore;
  3. conformare il regolamento dell’Associazione, nonché del gruppo di volontariato ed i moduli operativi alle raccomandazioni e decisioni nazionali e regionali;
  4. svolgere un’azione mirata sulla base delle esigenze di tutti i cittadini, con particolare riguardo a quelli più vulnerabili;
  5. organizzazione efficiente e partecipazione costante;
  6. comunicazione e dialogo intra istituzionale e con i cittadini  (esterna, interna, documentazione);
  7. la promozione – reclutamento - fidelizzazione dei soci effettivi e dei simpatizzanti;
  8. la pianificazione e la progettazione dei servizi.

PAROLE CHIAVE

  • ORGANICITA'
  • FLESSIBILITA'
  • PROMOZIONE E SOSTEGNO
  • AUTONOMIA
  • COLLABORAZIONE E COORDINAZIONE   
  • TRASPARENZA
  • PARI OPPORTUNITÀ

Le gerarchie sociali connesse alle cariche istituzionali sono esclusivamente di funzione e non di grado.   

In questi dati stanno le potenzialità di un'Associazione che ha saputo creare negli anni un'indiscussa credibilità riconosciuta a tutti i livelli.